Seguimi e condividi:
Seguimi tramite email
Facebook0
Twitter
SHARE0
Instagram
Ricordo che ero molto piccola, varcavo la soglia del soggiorno di mia nonna, e sul tavolino in vetro vedevo lei, in tutto il suo splendore, adagiata tra i vari oggettini che lei conservava con amore.
Era la pipa di mio nonno!
Un oggetto molto affascinante, di cui non capivo ancora l’utilità e che molte volte, lo ammetto, lontana da occhi indiscreti, prendevo e ci giocavo.
Ho sempre odiato il fumo, la sua puzza e i fumatori accaniti impregnati di quell’odore sgradevole.
Ma la pipa ha, di certo, tutto un suo fascino!
Mia sorella ne regalò una a mio padre, consapevole ex fumatore da anni, una pipa artigianale, semplicissima, ed anche questa ha guadagnato la sua postazione tra gli oggetti che mamma conserva con amore.

 Diciamoci la verità, la pipa è un accessorio di gran classe;

 avrò visto una persona, che io ricordi, fumare la pipa, ed era un signore anzianissimo, che amava assaporare il gusto della sua amata.

Un oggetto prezioso, ormai passato nel dimenticatoio, che solo alcuni apprezzano e che le giovani generazioni non hanno mai visto.
Siamo nel periodo giusto per fare o farci un ragalo, di quelli belli e senza tempo, realizzati a mano con materie prime d’eccellenza.
Su Bollito Pipe vi si aprirà un mondo!
Sono tutte realizzate in radica pregiata (erica arborea), in maniera completamente artigianale.
Un oggetto con una doppia anima: apprezzata da chi ama gustare il tabacco naturale per esalterne i differenti aromi pregiati; o da chi ama collezionarla quale accessorio pregiato e di gran valore.
Sul sito ce ne sono per tutti i gusti;
ed oltre alle pipe delle marche più prestigiose, si può trovare un ampio assortimento di accessori.

richiamano uno stile vintage ed un mood d’altri tempi, ma d’altronde questo è proprio il periodo delle barbe lunghe e folte, dei baffi curati e dal look che richiama ai tempi in cui fumare la pipa era un piacere ed un vezzo unico.
 
Un modo per acquistare un prodotto unico ed esclusivamente  Made in Italy!

Buzzoole

Questo articolo è stato letto 35 volte